Monastero Voronet

Monastero Voronet

Monastero Voronet

Monastero Voronet

Monastero Voronet

 

 

 

 

 

Il monastero oggi è scomparso e si conserva solamente la stupenda chiesa detta “il gioiello della Bucovina”. Costruita con la consueta rapidità dal 26 maggio al 14 settembre del 1488 da Stefano il Grande, ultima delle quattro chiese volute dal potente voivoda. Lo schema è quello ormai canonico (dopo la chiesa della Trinità di Siret), e vuole essere una sintesi tra il linguaggio bizantino e quello gotico; le proporzioni ridotte mediano l’orizzontalità bizantina e lo slancio verticale gotico; la decorazione esterna accetta l’interpunzione gotica (finestre e porte) tra il bizantino. La chiesa vuole essere un omaggio di Stefano il Grande all’umile monaco Daniil, suo consigliere, che qui aveva una cappella in legno. Al tempo della costruzione appartengono le pitture (1488-1496) dell’interno del santuario e del naos.

Gli affreschi esterni rappresentano uno dei vertici dell’arte europea, dove il colore, il celeberrimo “azzurro di Voronet”, è protagonista assoluto.
Sulla facciata del nartece (1547-1550) si può intravedere il Giudizio Universale, il più famoso dell’arte moldava eseguito nel 1550 forse dal pittore Marcu.

Monastero Voronet

Monastero Voronet

Monastero Voronet

Monastero Voronet

Potrebbero interessarti anche...