Monastero Hurezu

Monastero Hurezu

Monastero Hurezu

Situato a km 47 a ovest, a destra della strada DN 67, costituisce il capolavoro e il prototipo dell’arte brincovana, voluto e costruito (1688-1697) da Costantin Brincoveanu; gravi danni vengono recati al magnifico complesso nel 1787, durante la guerra russo-austriaco-turca; un lungo restauro nel 1957 ha ridato al monumento l’aspetto originario. All’ingresso del monastero si trova la cappella di Sfintul Mihail, chiesa del villaggio, del tempo di Costantin Brincoveanu. All’esterno, il monastero si presenta come una bianca fortezza chiusa da muraglie; dal lato meridionale si entra nel cortile esterno, con le antiche scuderie a destra e una fontana del 1838 davanti alla torre-portico che immette nel cortile interno.

Monastero Hurezu

Monastero Hurezu

La chiesa principale, vero gioiello architettonico, magnificamente equilibrata nel volumi, ha la consueta pianta triconca con portico, pronaos, naos absidato e santuario triabsidato.

Gli edifici conventuali sono aperti su tre lati, verso il cortile, da due ordini di eleganti arcate; una ricca scala sale al notevole portico di Dionisie, voluto nel 1752 da Dionisie Balacescu (rifatto nel 1872); dal portico si sale alla galleria superiore per visitare i fastosi interni: l’appartamento degli igumeni, l’antico appartamento voivodale e la cappella superiore (1706), ornata di affreschi e con una magnifica iconostasi del tempo.
La visita del Museo è a pagamento, che annovera: oggetti di culto, parametri, candelabri, libri manoscritti e miniati, icone popolari del sec. XVII.

 

Potrebbero interessarti anche...