Monastero Dragomirna

Monastero Dragomirna

Monastero Dragomirna

Il Monastero è abitato da una comunità femminile, nei pressi di Padurea Adincata, riserva naturale; il monastero fu fondato nel 1602 dal metropolita Anastasie Crimca, erudito calligrafo iniziatore di una scuola di miniatura e grande mecenate; nel 1627 il complesso fu circondato da un giro di poderose mura con contrafforti e torri laterali, a opera del voivoda Miron Barnovschi.
Entro le mura si eleva la bellissima chiesa del 1608, prototipo delle chiese della Moldavia: stupisce per lo slancio verticale (42 m), quasi incredibile in confronto alla larghezza (appena 9.60m); la decorazione esterna ha come elementi caratteristici una rilevata cordonatura a metà altezza (il cosiddetto brau, cintura), simbolo religioso e insieme civile (la Trinità e l’unione dei tre voivodi romeni), che si ripete in tutte le chiese moldave. La cupola, su tamburo stellare, è riccamente ornata di motivi geometrici e naturalistici (questi elementi avranno la loro massima esaltazione nella Chiesa dei Tre Gerarchi di Iasi).

Monastero Dragomirna

Monastero Dragomirna

Nell’interno stupenda la cupola di naos, con arcature segnate da rilevanti profili, simili alla cintura. Gli affreschi del naos e del santuario attestano un’esuberanza nuova nella pittura moldava. Nella vecchia scuola del 1626, l’antico refettorio gotico ospita il Museo (visita a pagamento),che raccoglie libri preziosi, manoscritti e miniati dal metropolita fondatore Crimca, un epitaffio del 1610 e un altro del 1626, entrambi capolavori di ricamo, con perle e fili d’oro e d’argento.

Potrebbero interessarti anche...