Castello Bran

Castello Bran

Castello Bran

Si trova a 30 km da Brasov, il conosciuto posto turistico, balneare, centro di arte folcloristico e di etnografie.
Il castello fu costruito da Ludovico I in stile rinascimentale, fu poi territorio di Mircea cel Batran (Mircea il Grande, XIV° sec.), di Sigismondo di Lussemburgo (XV° sec.) e Iancu de Hunedoara (XV° sec.) e, successivamente, provincia di Brasov(dal 1920, residenza della Regina Maria), attualmente museo di arte medievale.

Da visitare:
il museo di etnografia, la dogana di Bran, la chiesa ortodossa “Cuvincioasa Parascheva” (Fedele Parascheva, 1820), la casa della Fam. Puscariu con il monumento I. Puscariu – letterario.
Da qui si possono organizzare visite turistiche sulle montagne Bucegi (C. Omu).

Uno tra i più noti castelli della Romania, viene costruito nelle Gole del Turco (Cheile Turcului) nel 1377-1378 sulla strada commerciale Brasov – Campulung dal cavaliere sassone Dietrich, dell’Ordine teutonico, da cui prese il nome di Dietrichstein, in seguito a un decreto di Ludovic I d’Angiò, sovrano ungherese la cui autorità si estendeva all’epoca su tutta la Transilvania, costruito in stile rinascimentale nella zona di frontiera tra la Transilvania e la Valacchia. Nel 1377 il castello fu affidato agli abitanti di Brasov; l’anno seguente ebbe inizio la ricostruzione che lo destinava a difendere il passo di Bran, più a Sud, sulla principale rotta commerciale verso Valacchia.

Castello Bran

Castello Bran

Nei presi del castello si trova una dogana, conservatasi fino alla metà del secolo scorso, dove i mercanti pagavano il 3% del valore delle merci che vi transitavano.

 

Sede di guarnigione, all’inizio del sec. XV la fortezza è stata sotto il dominio del voivoda Mircea il Vecchio ed i suoi seguaci (sec. XIV-XV), di Sigismund de Luxemburg (sec. XV, dal trattato di alleanza antiturca concluso nel 1395) e del voivoda della Transilvania, Iancu de Hunedoara (sec. XV). Ritorna nelle mani della città di Brasov nel 1498 e ne rimase fino al 1848, anno della rivoluzione che abolì il sistema feudale sul quale si basava il dominio del castello sul territorio circostante.

 

Dal 1920 al 1947, il castello fu residenza della regina Maria. Attualmente, il castello è Museo di Arte Medievale.
Qui il principeVlad Tepes, detto il principe Dracula fu imprigionato.

 

Da visitare anche: la chiesa ortodossa Paraschiva (1820); la Dogana di Bran (sec. XVIII); il Museo di Etnografia; la Casa della Fam. Puscariu, uomo di lettere; turismo rurale; punto di partenza per i percorsi turistici sui Monti Bucegi (C. Omu)

Potrebbero interessarti anche...